Un nuovo orizzonte per l’Intelligenza Artificiale: quando la tecnologia incontra l’Umanesimo

VIVI IL TUO TEMPO: AFFRONTA LA TRANSIZIONE DIGITALE CON IL PARTNER GIUSTO.

20 Luglio 2023

“Contemporaneo è colui che riceve in pieno viso il fascio di tenebra che proviene dal proprio tempo[1].

Recita così Giorgio Agamben, filosofo italiano, durante la lezione di apertura del corso di Filosofia Teoretica presso l’Università di Venezia IUAV (A.A. 2006-2007).

Le sfide sono innumerevoli e in continua trasformazione; quella più grande, però, risiede nella capacità di vedere da lontano i cambiamenti che si avvicinano e nel prepararsi all’innovazione.

In epoca post pandemica l’uomo-imprenditore si trova a fronteggiare due grandi questioni: la transizione ecologica e la transizione digitale, obiettivi che vanno di pari passo e che si supportano vicendevolmente.

Secondo UnionCamere la pandemia ha accresciuto i divari territoriali, di genere, di età e fra i settori produttivi, ma il digitale deve considerarsi “La leva per ridurli”[2].

La transizione digitale non è avvenuta e non avverrà.

La transizione digitale sta avvenendo e bisogna saperne cogliere il potenziale, consapevoli delle rivoluzioni che essa sta provocando e delle nuove logiche che ne muovono la natura; si tratta di una condizione che abbraccia noi tutti senza distinzione, in grado di creare valore e legame tra esigenze di mercato, dell’azienda e del cliente.

Una triade che non deve decisamente essere sottovalutata.

Il settore del turismo è uno dei settori che maggiormente viene interessato dalle tecnologie digitali, innumerevoli e applicabili su più versanti.

D.Change si inserisce in questo scenario come miccia e collante per affrontare la transizione digitale.

Perché è importante conoscere i vantaggi e sfruttare le potenzialità del digitale?

Il panorama nazionale è sempre stato caratterizzato da una forte classificazione industriale, dettata sia dalla geolocalizzazione delle attività stesse che dall’insita tradizione “di padre in figlio”, che ne ha accresciuto notevolmente il divario dimensionale e potenziale.

Ridurre quindi le distanze tra piccole, medie e grandi imprese è il primo degli aspetti che si possono affrontare con il supporto della digitalizzazione: l’integrazione di tecnologie avanzate è un tassello fondamentale per creare legami, inter-connessioni e opportunità accessibili a qualunque tipologia di azienda, tutti elementi fondamentali per chi si occupa di turismo.

Chiunque sia mosso da queste intenzioni può ora attingere a diktat e dinamiche di mercato che prima erano inaccessibili: l’utilizzo dell’intelligenza artificiale o della robotica sono leve che possono contribuire in maniera significativa tanto all’efficientamento di attività già in corso all’interno dell’azienda stessa, quanto alla costruzione di nuovi scenari di azione in&out, fisici o digitali.

Vivere il/in digitale significa appartenere ad una rete virtuale, dinamica e sempre all’avanguardia in termini di risorse e potenzialità; se è vero che “ecosistema” è la parola del nostro tempo, è vero anche che stare al di fuori di esso significa perdere una fetta ragguardevole di opportunità di spessore.

D.Change ha saputo cogliere al volo tali opportunità, organizzando una piattaforma tecnologica interattiva e di supporto alle attività degli enti turistici che vedono nel “fare rete” la chiave di volta verso il turismo del futuro. Con il progetto #aMiCo26®, D.Change punta tutto sulla triade, intesa ora come elemento a unico comune denominatore, in grado di spostare i vecchi equilibri e crearne di nuovi.

Gli elementi sopracitati sono un incentivo che stimola riflessioni altre, ma non possono esprimere in toto il valore del vivere il “qui ed ora” con lungimiranza e profondità; rappresentano piuttosto la messa su carta (o su schermo) dei traguardi che si possono raggiungere e degli obiettivi perseguibili in ottica di digitalizzazione e avanzamento tecnologico.

Prima ancora di vedere la meta, è necessario comprendere a fondo le potenzialità del viaggio: #aMiCo26® è sì una piattaforma tecnologica attraverso cui creare nuove opportunità di business, ma prima ancora è un hub fatto di persone, idee e progetti.

Raccontaci il tuo. E facciamo rete.

[1] G. Agamben, Che cos’è il contemporaneo? , Edizione Nottetempo, 2008.

[2] https://www.unioncamere.gov.it/

Categorie

Iscriviti alla nostra newsletter

Sei interessato?
Scrivi a info@dchange.eu
e sarai contattato